viernes, 13 de febrero de 2015

Disegni erotici e contabilità: sorprendenti graffiti preistorici ritrovati a Palermo


4/4
 
In una grotta sul monte Maranfusa, a Roccamena in provincia di Palermo, sono stati scoperti due gruppi di graffiti preistorici che rappresenterebbero uno l’atto sessuale e l’altro una sorta di promemoria contabile.  Il ritrovamento, eccezionale quanto casuale, è opera dei volontari del «Gruppo archeologico Valle dello Jato», che sull'autenticità delle incisioni non hanno alcun dubbio: «La patina presente sui graffiti è la stessa che si trova sul resto della superficie rocciosa».

«Insieme al Gruppo speleologico ambientale di Trapani - racconta Alberto Scuderi, vicedirettore nazionale dei Gruppi archeologici d'Italia -, ci trovavamo in località Sticca per un censimento delle grotte. Stavamo per entrare in una cavità in parete quando la forte pioggia ci ha costretto a cercare riparo all'interno di un'altra grotta di facile accesso, utilizzata come ovile e già perlustrata in passato». La grotta infatti era già stata oggetto di studio pubblicati da Francesca Spatafora, e Giovanni Mannino nel volume «Guida alla preistoria del Palermitano», ma ai due autori erano sfuggite le incisioni prodotte all’interno della cavità di natura carsica. [...] caffeinamagazine.it